/Nota integrativa

Nota integrativa

Nota integrativa 2018-04-11T09:52:13+00:00
nota integrativa esempio

Esempio nota integrativa Bilancio XBRL 2018

Cosa é la Nota Integrativa al Bilancio d’esercizio

La nota integrativa al bilancio d’esercizio contiene gli elementi utili per presentare la situazione patrimoniale, economica e finanziaria della società e chiarisce i principi di formazione delle poste attive e passive di Bilancio, analizzando in dettaglio alcuni dati dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico. La nota integrativa al Bilancio fornisce inoltre le informazioni sui criteri applicati per la redazione del Bilancio, importanti soprattutto per la valutazione dei Crediti, del Magazzino e delle Immobilizzazioni.

Il 1 Marzo 2018 entra definitivamente in vigore la nuova tassonomia PCI_2017-07-06 che si applica per i bilanci chiusi al 31/12/2017 e sostituisce la precedente tassonomia 2016-11-14 in vigore fino al 28/02/2018.

Nota Integrativa XBRL 2018 Bilancio con tassonomia PCI_2017-07-06

Obbligatoria dal 1 Marzo 2018, questa nuova tassonomia è stata realizzata per indicare separatamente le imposte anticipate all’interno della voce CII Crediti dell’attivo dello Stato Patrimoniale in forma abbreviata.

La Tassonomia XBRL PCI_2017-07-06 è caratterizzata, in sintesi, dalla esposizione di una nuova voce “Attivo / C) Attivo circolante / II – Crediti / imposte anticipate” su Bilancio Abbreviato e Micro.

Introduzione alla Nota Integrativa Bilancio XBRL

La nota integrativa da trasmettere in XBRL è costituita essenzialmente da una sequenza di campi TESTO (Introduzione, Commento, Note, ecc.) intervallati a TABELLE.

Il formato XBRL è un flusso dati informatico strutturato e pertanto la “Nota Integrativa in XBRL” ha poco o nulla a che fare con il file di WORD che si utilizzava prima in quanto nel file di Word era possibile scrivere le informazioni nell’ordine e con gli abbellimenti che si ritenevano più opportuni mentre con il formato XBRL lo schema è molto più rigido.

Le TABELLE sono infatti zone a formato fisso che devono contenere informazioni ben precise (in genere valori numerici) che potranno poi essere facilmente lette da programmi informatici o dai sistemi delle CCIAA per utilizzare i dati del bilancio depositato.

In genere prima e dopo di ogni TABELLA o zona significativa della Nota Integrativa, la tassonomia prevede la presenza di vari campi TESTO (almeno un campo “introduzione” prima e un campo “commento” dopo) in cui scrivere testo libero che contiene le parti discorsive della “vecchia” Nota Integrativa.

In queste zone di “commento” è possibile fare copia-incolla di testi e tabelle prese da Word per inserire facilmente testi con abbellimenti e tabelle aggiuntive rispetto a quelle previste dalla Tassonomia.

E’ importante non eccedere negli abbellimenti e nella complessità delle tabelle aggiunte perché potrebbero facilmente portare a dei problemi nella generazione PDF operata dai sistemi di TEBE Infocamere.

Al fine di facilitare la compilazione della complessa sequenza di zone testuali di commento e zone tabellari che compongono la nota integrativa è disponibile il software MKT Analisi di Bilancio che fornisce una intuitiva maschera di caricamento dati che simula l’aspetto grafico della “Nota Integrativa xbrl” visualizzata in PDF.

Nota Integrativa Analisi di Bilancio

analisi-di-bilancio-software

Software per la redazione del bilancio con nota integrativa, calcolo rating Basilea 3, analisi di bilancio e valutazione merito di credito Mediocredito Centrale.

Consente la validazione e la visualizzazione della nota integrativa direttamente dal software.

Prevede la modifica dei dati e consente di avere una visione d’insieme della nota integrativa simile a quanto eravamo abituati a vedere con il file word.

SCOPRI

Contenuto della Nota Integrativa

Il contenuto della nota integrativa è regolato dall’art. 2427 del Codice Civile e si sviluppa con le seguenti voci

  • Premessa
  • Attività svolte
  • Eventuale appartenenza a un Gruppo
  • Fatti di rilievo verificatisi nel corso dell’esercizio
  • Criteri di formazione
  • Criteri di valutazione per Immobilizzazioni Immateriali, Immobilizzazioni Materiali, Crediti, Debiti, Ratei e risconti, Rimanenze magazzino, Titoli a reddito fisso, Partecipazioni, Fondi per rischi e oneri, Fondo TFR, Imposte sul reddito, Riconoscimento ricavi
  • Criteri di rettifica
  • Criteri di conversione dei valori espressi in valuta
  • Impegni, garanzie, rischi.

Vecchia tassonomia XBRL PCI2016-11-14

La tassonomia PCI2016-11-14, importante pietra miliare dell’XBRL, era stata sviluppata per consentire di depositare in formato XBRL i bilanci redatti secondo le disposizioni di cui al d.lgs. 139/2015. Doveva essere applicata obbligatoriamente dal 1 marzo 2017 ai bilanci chiusi il 31 dicembre 2016 per tutte le imprese di capitali interessate dal Dpcm di riferimento n. 304 /2008 ed era caratterizzata in sintesi da:

  •  introduzione del bilancio per le microimprese con relativi schemi quantitativi e commento testuale in calce
  •  il Rendiconto Finanziario diventava prospetto quantitativo a sé stante e non più tabella di nota integrativa come nella precedente versione tassonomica
  •  il bilancio consolidato invece, come nelle versioni precedenti, rimaneva confinato ai soli schemi quantitativi (senza nota integrativa strutturata in XBRL)

Bilancio Microimprese senza la nota integrativa

Esempio Bilancio Microimprese

Le microimprese possono predisporre il solo bilancio senza la nota integrativa a condizione che in calce al bilancio vengano rese delle informazioni di cui all’articolo 2427, numeri 9) e 16) che riguardano:

  • gli impegni non risultanti dallo stato patrimoniale, le notizie sulla composizione e natura di tali impegni e dei conti d’ordine, la cui conoscenza sia necessaria per valutare la situazione patrimoniale e finanziaria della società, distinguendo quelli relativi a imprese controllate, collegate, controllanti e a imprese sottoposte al controllo di queste ultime;
  •  le informazioni riferite ai compensi, alle anticipazioni e ai crediti concessi agli amministratori e ai sindaci, le principali condizioni e gli importi eventualmente rimborsati

Ti potrebbe interessare

Articoli correlati

  • Bilancio in formato XBRL

Bilancio in formato XBRL

13 Mar 2018|

Storia del bilancio in formato XBRL per il deposito alla CCIAA Il bilancio in formato XBRL è la rappresentazione del bilancio di esercizio in un formato elettronico "standard" per facilitare l'interscambio dei dati di [...]

  • Nuova-versione-Analisi-di-Bilancio-2018

Nuova versione Analisi di Bilancio 2018

1 Mar 2018|

Aggiornamento della versione Analisi di Bilancio 2018 E' stata rilasciata una nuova versione del software Analisi di Bilancio 2018  con miglioramenti funzionali e adeguamenti alle nuove normative ministeriali. Nella nuova versione del software MKT-Analisi [...]

  • tassonomia xbrl bilancio

La tassonomia XBRL del bilancio

6 Feb 2018|

Definizione e storia della tassonomia XBRL del bilancio di esercizio. La tassonomia XBRL del bilancio di esercizio è una classificazione e descrizione di voci contabili condivisa da istituzioni e imprese per favorire una omogeneità [...]